Latest Post

DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA HEARTSTOPPER – La serie che TUTTI dovrebbero vedere BRIDGERTON – Trashata o roba seria? Storia in due stagioni

Il giorno della partenza si sta sempre più avvicinando.

Sono pronto a tornare a casa, ma sono pronto a lasciare il Giappone?

Tecnicamente sì, ma un po’ mi rode. Non sono riuscito a visitare molto posti, per svariate ragioni.

Per recuperare un minimo, quindi, ho deciso di fare un breve viaggetto in un paio di città a nord di Sendai, prima di tornare nella mia città e prepararmi definitivamente per l’aereo di ritorno.


Sabato 15, mentre in Italia tutti festeggiavano (alcuni in maniera molto discutibile) il Ferragosto, io ho lasciato definitivamente il mio dormitorio. È stato un addio leggermente commovente, soprattutto perché la maggior parte dei miei coinquilini, tanto per cambiare, non era in giro. Gli unici a degnarmi anche solo di un saluto sono stati i due cinesi più socievoli, Lurido incluso. Mi ha fatto piacere.

Non mi mancherà nessuno di loro, comunque.

La vera emozione del giorno, però, è arrivata quando ho messo piede nel mio primo albergo.

Check-in solito, misurazione della temperatura sul polso, niente di preoccupante.

Entro nella mia camera e mi rendo conto di una cosa.

Dormirò su un letto vero. Non avrò nessuno di rumoroso (spero) nelle camere attigue.

Ma soprattutto…avrò una televisione e UN BAGNO tutti miei.

Avrò finalmente una vasca.

In quel momento, quasi mi commossi davvero.

Tornai il vero italiano pigro che sono sempre stato: mi sono messo a fare cose, con la TV accesa in sottofondo.

Quanto mi era mancato.

La sera è stata la mia ultima uscita sociale giapponese: ho visto i miei compagni italiani, abbiamo mangiato sushi, poi abbiamo incontrato due amici spagnoli e siamo stati al karaoke fino alle prime ore della notte.

Ovviamente, i miei programmi erano altri: andarmene poco dopo mezzanotte dal karaoke perché avrei avuto un autobus alle 7.30 del mattino.

Mai pensare a questi propositi, quando vai al karaoke con gente con cui sai di divertirti.

Dormii a malapena 4 ore, ma riuscii a prendere il bus comunque e qualcosa di caldo al konbini da bere durante il viaggio. Mi sono sentito fiero di me.

Quattro ore dopo, arrivai alla città di Hirosaki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »