Latest Post

DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA HEARTSTOPPER – La serie che TUTTI dovrebbero vedere BRIDGERTON – Trashata o roba seria? Storia in due stagioni
Scavi e Poffin

We’re back in Sinnoh! Tra scavi nei Sotterranei della regione e creazioni (discutibili) di poffin, la mia corsa alle medaglie continua! Se volete recuperare le parti precedenti, cliccate qui!


Il mondo sotterraneo è molto carino, divertente come un tempo.

Visto che fremo dalla voglia di distruggere Gardenia, ho deciso di fare solo un breve giro, per poi esplorare in maniera approfondita in seguito.

Dopo un paio di scavi, entro in una stanza indicata da un punto interrogativo. Che ci potrebbe mai essere?

Pokémon!

Skorupi, lasciami in pace.

In queste stanze è possibile catturare nuove creature, alcune delle quali così rare che non hanno un numero nel pokédex regionale.

Alcuni sono belli potenti, ci vuole pazienza.

La cosa strabella è che si tratta di un overworld in cui i pokémon sono visibili! Altro che il mondo della superficie, dove non si vede nulla tra l’erba alta.

Quando capiranno che vogliamo essere in grado di vedere i pokémon SEMPRE?

Ok, per ora fine degli scavi.

A presto, mondo sotterraneo.


Finalmente si va a combattere contro Gardenia, seconda Capopalestra specializzata in pokémon erba.

Per affrontarla, bisogna prima sconfiggere le allenatrici nascoste in tutta la palestra.

Anche lei viene demolita in fretta: sconfiggo tutti i suoi pokémon con Staravia.

E anche la seconda medaglia è fatta!

Dopo gli scavi, la seconda medaglia
Quota due medaglie, yes.

Ora, è il momento di cacciare il Team Galassia da Evopoli.

Il covo Galassia è facilissimo: sconfiggo tutti in poco tempo e mi trovo a combattere contro un’altra dei comandanti, Giovia. Anche lei asfaltata.

Il team Galassia scappa da Evopoli e salvo il tipo delle bici.

Tutto è bene quel che finisce bene!

Come ricompensa per averlo salvato, il venditore mi fa avere aggratis una delle sue bici.

Ye, posso finalmente sfrecciare per Sinnoh.

Metto solo alla prova il mio mezzo sulla pista ciclabile a sud della città e guadagno un bel po’ di punti esperienza, sconfiggendo i vari allenatori presenti per la strada.

A fine pista, incontro anche Lucinda che mi regala un paio di strumenti utili: il cercasfide e il software del PokéKron per trovare oggetti nascosti.

Il cercasfide è utile per capire chi vuole una rivincita tra gli allenatori già sconfitti per i vari percorsi.

Ma chi se ne frega di loro. Io voglio sapere se sarà possibile riaffrontare i capipalestra.

Speriamo di sì.


Per arrivare a Cuoripoli, sede della prossima palestra, bisogna passare per il Monte Corona.

Mi vengono i brividi.

Serve la mascherina chirurgica per entrare lì dentro? Perché io l’ho lasciata a casa.

…che battuta inutile.

Durante il breve percorso (penso sarà molto più esplorabile a gioco avanzato), incontro un tipo bislacco che comincia a parlarmi di roba esistenziale sull’universo.

Scavi nel Monte Corona?

Che tipo familiare…assomiglia molto al capo del Team Galassia, Cyrus.

Che brutto giocare a un gioco di cui già sai la trama.

Uscito dal monte, mi viene regalata una Roccianima.

Mi tornerà utile tra poco.


Finalmente giungo a Cuoripoli, città molto più grande di quelle visitate in precedenza.

Ci sono molti edifici. C’è addirittura una chiesa, piena di fedeli che mi parlano in maniera strana.

Che ansia. Andiamo subito a sfidare la Capopalestra Fannie.

Incontro la donna davanti all’Arena delle Virtù: si presenta in maniera molto eccentrica, per poi dirmi che non posso sfidarla perché non sono abbastanza forte.

Ma che cavolo, uffa. Mi ricordo che lei non è terza in ordine, ma quinta!

Devo ottenere altre medaglie, prima che Fannie possa concedermi udienza.

Prima di entrare nell’Arena delle Virtù, esploro di più la città. Nell’edificio del Fanclub Pokémon, mi viene dato un Portapoffin.

Che cosa sono i Poffin? Sono dei dolcetti che aumentano una delle virtù dei pokémon. Più tali virtù sono alte, più bella figura farà il pokémon alle gare di Cuoripoli.

Per fare questi poffin servono delle bacche. Ne inserisco qualcuna e comincio a mescolare prima in senso orario, poi antiorario, poi di nuovo orario, poi ancora una volta antiorario e così via.

Con le levette della Switch non è proprio facile. Spero sia possibile mescolare anche col touch screen, sennò mi slogo le dita in poco tempo.

Il primo poffin è venuto una mezza ciofeca. Vabbè, almeno non si è carbonizzato.

Delle attività presentate finora, gli scavi sotterranei rimangono imbattuti.


Ora sono pronto a curiosare nell’Arena delle Virtù.

Entro nell’edificio e mi trovo davanti…mia madre??

E che ci fa lei qui??

Sembra essere una cara amica delle giurate delle gare.

Niente niente è ex star dell’Arena?

Hai capito mia madre…dovrei indagare di più.

Potrei già cominciare a partecipare alle Super Gare-Show, ma non mi va. Preferisco allenarmi. Ci tornerò un’altra volta.


C’è un ultimo posto da visitare, prima di ricominciare il giro delle palestre: il Parco Concordia.

Lì, è possibile passeggiare con i pokémon fuori dalle loro sfere.

Purtroppo, non è possibile portare ogni pokémon a spasso: solo quelli graziosi sono degni di girovagare per il Parco.

Sbaglio o è discriminazione per i pokémon più bruttini?

Poveri scorfani come Muk, Magikarp, Victribell…meritate di più.

Per fortuna, Prinplup e Buneary sono reputati graziosi (gli unici della mia squadra), quindi posso portarli a passeggio.

Mew, invece, non è stato considerato grazioso.

Mi sono sentito offeso. Mew è uno dei pokémon più adorabili di sempre!

E vabbè, mi arrendo contro la politica assurda di questo parco.

A fine passeggiata, scopro che Prinplup ha adorato così tanto l’aria aperta che d’ora in poi passeggerà sempre al mio fianco, fuori dalla sfera.

Che bello!


Finito il giro nel Parco, sono pronto a incamminarmi verso Rupepoli, sede della terza medaglia.

Ah, no. Bisogna aspettare un secondo perché il mio rivale Barry vuole sfidarmi.

Cosa da niente. Lo sconfiggo in pochi minuti.

ORA si può andare a Rupepoli.

RedNerd Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »